DIETA CHETOGENICA

LA DIETA CHETOGENICA

Perdere peso velocemente senza “soffrire” la fame,

in modo sano e sicuro.

La dieta chetogenica, VLCD (Very Low Calorie Ketogenic Diet),

si presenta invece come un validato protocollo per ottenere sia

un rapido calo di peso, sia una migliore educazione alimentare,

senza assumere farmaci

 

 

Dieta Chetogenica: di che cosa si tratta e come funziona

Non è una dieta iperproteica, ma uno schema alimentare che attraverso la riduzione drastica di carboidrati ha un effetto “simil-digiuno”.

È una dieta che sfrutta l’effetto antifame dei cosiddetti corpi chetonici, acidi organici che sono prodotti nel fegato in quantità aumentata rispetto a quanto avviene normalmente in assenza di carboidrati e di glucosio, capaci di fornire energia a tutto l’organismo al posto di zuccheri e carboidrati.

Questi acidi hanno l’effetto di ridurre sia l’appetito, sia l’apporto di calorie giornaliero, mantenendo però uno stato di benessere: I corpi chetonici aumentano il senso di sazietà e sono addirittura di stimolo alla capacità di concentrazione e attenzione.

La chetosi che si instaura durante questo regime alimentare è un meccanismo fisiologico completamente differente dalle condizioni patologiche, come, per esempio, avviene nella cheto-acidosi diabetica, in cui i chetoni si accumulano in modo anomalo ed eccessivo. 

È comunque importante tenere presente che la dieta chetogenica può essere effettuata solo sotto stretto controllo medico, con il dosaggio di routine dei chetoni urinari o plasmatici”.

Cosa mangiare: gli alimenti e lo schema 

Questo regime alimentare si basa sulla introduzione di un consumo di alimenti precostituiti caratterizzati da elevato contenuto di proteine di alto valore biologico, associati a quantitativi variabili di verdure cotte o crude.

L’uso di questi prodotti permette di limitare l’uso di proteine animali, elaborando diete a bassissimo apporto di calorie (circa 800/900 al giorno) e facilitando la diminuzione importante dei carboidrati.

È una dieta a tre “fasi” La prima fase prevede il consumo di alimenti sostitutivi che permettono un miglior controllo delle corrette quantità di nutrienti da assumere al giorno associati a verdure.

Si ottiene così lo stadio di chetosi, che viene poi mantenuto anche nei successivi due step in cui si reintroducono lentamente i carboidrati complessi.

Per questo tipo di dieta affidati a professionist

  • MINDFUL EATING: PERCORSO DI 5 STEP PER GESTIRE LA FAME EMOTIVA ​in collaborazione con la Dott.ssa Michela Fanelli, Psicologa Psicoterapeuta Clinica

Dark Blue Food Photo Business_Ads Facebo
mindful.jpg
image2.jpg